Migrazione posta: stato attuale

Allo stato attuale segnaliamo alcuni punti emersi fino ad ora nella migrazione delle email.

  1. seguite con attenzione i passi indicati nel blog e contrassegnati: prima cosa da fare, seconda cosa da fare, terza cosa da fare. Non date per scontato nulla: molte delle segnalazioni che ci sono giunte erano dovute al fatto che le persone avevano saltato qualche passaggio
  2. Stiamo riscontrando qualche ritardo quando si invia a indirizzi gmail. Molto probabilmente è un comportamento “difensivo” di gmail che ha visto una grande massa di messaggi provenienti da @ino.cnr.it. La situazione dovrebbe normalizzarsi ( a me stamattina ha impiegato un’ora e un quarto, ora due minuti). Il suggerimento è: “non provate a spedire a gmail, scrivete a gmail solo se dovete farlo”. Gli amici del CED stanno provando e monitorando per voi insieme a Roma, ma se tutti noi continuiamo a provare peggioriamo solo la cosa. Considerate che se il messaggio non vi torna indietro vuol dire che è stato inviato correttamente.
  3. Per le stesse ragioni indirizzi come yahoo e libero hanno messo ino.cnr.it nello spam. Se scrivete a questi indirizzi (o altri simili) dite ai vostri corrispondenti di guardare anche nello spam. Basta che qualcuno cominci a dire:”non è spam” e la cosa si risolve.
  4. Qualcuno ha avuto problemi nell’impostare il telefono android. Chi scrive ha risolto utilizzando bluemail come programma invece che quello di default, ma altri hanno usato anche con successo quello di default di android. Android è ormai un mondo troppo variegato: provate a usare bluemail e impostare tutto a mano, a breve faremo una guida
  5. qualcuno ha avuto problemi nell’impostare il pop invece di imap. Appare in effetti meno stabile, stiamo verificando, a breve una guida.

Lascia un commento